La tua impresa in Europa


 


Informazioni e assistenza alle imprese stabilite in Italia che desiderano svolgere la propria attività al di fuori dei confini nazionali oppure acquistare servizi da un fornitore che risiede in un altro Stato membro dell’Unione europea.

PER SAPERNE DI PIU'
Immagine

Doing business in Italy (PSC Italy)



Information and assistance for businesses established in other European Member States that wish to provide services in Italy on a permanent or temporary basis.

 Versione italiana 

FIND OUT MORE

News - Europa News - Europa

Indietro

Distacco transnazionale non genuino: chiarimenti INAIL sul regime sanzionatorio

Distacco transnazionale non genuino: chiarimenti INAIL sul regime sanzionatorio

 

Il distacco di lavoratori da un altro paese all’Italia deve rispettare una serie di regole per non configurarsi come somministrazione di manodopera e per non rischiare di incorrere in sanzioni.

 

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro – INAIL - ha assunto una posizione molto chiara in merito ad alcune richieste di precisazioni sul distacco di lavoratori effettuato da un’impresa stabilita in altro Stato della UE in favore di una propria unità produttiva ubicata in Italia ( D.Lgs. n. 136/2016).

 

Il distacco da un altro paese all’Italia deve rispettare una serie di regole per non configurarsi come somministrazione di manodopera.

 

Il 10 giugno L’INAIL ha diramato una nota https://www.eclavoro.it/wp-content/uploads/2019/06/INL_nota_5398_19.pdf.

 

Nel caso di distacco non genuino, se l’ azienda invia i lavoratori presso una propria unità locale e distaccante e distaccatario coincidono dal punto di vista giuridico, va applicata una sanzione unica al solo distaccante estero.

 

Infatti l’unità produttiva di una determinata impresa può considerarsi una autonoma sede secondaria – nei confronti della quale poter applicare le sanzioni – solo se risulta iscritta nel Registro Imprese ed è identificata in Italia attraverso un proprio rappresentante legale. Non è sede secondaria, quindi, l’ufficio di rappresentanza con funzioni promozionali e pubblicitarie oppure che raccoglie informazioni o fa ricerche di mercato.

 

La sanzione va irrogata all’unico soggetto dotato di personalità giuridica ovvero il distaccante estero ed è pari a cinquanta euro al giorno per ogni lavoratore.