Per il SUAP, in base al Regolamento di attuazione dell'art.38 DL 112/2008, costituisce requisito fondamentale di natura tecnico-operativa, per operare in conformità alle previsioni della stessa norma di semplificazione, la capacità di avviare, gestire e concludere i procedimenti per via informatica e telematica.

Per saperne di più »

Disponibile la guida on line alla procedura di attestazione telematica dei requisiti SUAP
Consulta la guida operativa »

Per supporto operativo e assistenza PA:

contatta lo 06 64 892 892

assistenza.pa@impresainungiorno.gov.it

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE
Schema di documento

Lo schema di documento è stato preparato a cura dell'ANCI e concordato con Unioncamere per esplicitare analiticamente le fasi di ricezione e gestione delle Segnalazioni certificate di inizio attività nel caso il Comune abbia delegato tali funzioni alla Camera di Commercio competente sul territorio


a cura di ANCI e UNIONCAMERE

1. Introduzione

Coerentemente con l'attuazione graduale della riforma dello Sportello Unico, la prima versione del c.d. "schema di documento" [1] si occupa di alcune disposizioni relative al procedimento automatizzato (Capo III), e di altre disposizioni comuni (Capo V), limitatamente alla SCIA. Il documento verrà nel tempo aggiornato per integrare: i procedimenti di silenzio-assenso (art. 5, comma 8); la parte riguardante le Agenzie per le imprese (art. 6); per consentire la corretta gestione del procedimento ordinario (Capo IV); nonché per tenere conto della progressiva introduzione delle specifiche tecniche e della conseguente ulteriore automazione dei processi.


 


2. Suddivisione attività fra Comune e Camera di commercio in caso di delega

Il DPR 160/2010 prevede che le funzioni del SUAP siano delegate alla Camera di commercio (nelle tabelle indicata come "CCIAA"), qualora il Comune sia sprovvisto dei requisiti richiesti dalle norme. In tal caso la CCIAA, attraverso il portale "impresainungiorno", dovrà assicurare rapporti completamente telematici con tutti i soggetti coinvolti nel procedimento. La CCIAA, inoltre, dovrà interloquire sia con il Responsabile del SUAP individuato dal Comune[2] (nelle tabelle il Responsabile del SUAP viene indicato come "Comune") che con gli altri uffici comunali e le altre amministrazioni che hanno competenze nei singoli sub-procedimenti (nelle tabelle indicate per semplicità come un unico soggetto: "PPAA").

Di seguito vengono elencati gli adempimenti previsti dal DPR 160/2010 e la loro attribuzione al Responsabile SUAP del Comune o alla CCIAA.

 



[2]
 nelle more dell'individuazione il ruolo di responsabile del SUAP e' ricoperto dal Segretario comunale


2.1 Funzioni trasversali a tutti i procedimenti svolte dal SUAP e quindi attribuite alla Camera di commercio

Le funzioni trasversali a tutti i procedimenti svolte dal SUAP e quindi attribuite alla Camera di commercio sono:

  • è unico interlocutore con l'utente;
  • informa l'utente, tramite il portale, di quanto previsto dall'art. 4, c. 3;
  • tiene i rapporti con l'Agenzia per le imprese;
  • assicura il collegamento con il registro delle imprese;
  • pone a carico dell'interessato il pagamento delle spese e dei diritti per conto di tutte le PPAA coinvolte nel procedimento e versa le somme alle medesime PPAA;
  • assicura l'assolvimento del pagamento dell'imposta di bollo con modalità virtuale, quando prevista dalla legge.

2.2 Procedimento automatizzato (art.5)

Funzione/attività

Ente competente

Controllo preventivo ed individuazione della normativa, dei procedimenti e della modulistica disponibili sul portale [3]

Comune

Ricevimento, verifica  con modalità informatica [4] della correttezza formale della SCIA e dei relativi allegati

CCIAA

Rilascio ed invio ricevuta SCIA (art. 5, comma 4) [5]

CCIAA [6]

Trasmissione SCIA e dei relativi allegati al Comune e alle PPAA indicate nella modulistica

CCIAA

Controlli di merito o sostanziali della SCIA e dei relativi allegati

Comune [7]

Eventuale richiesta di modifica o integrazione della SCIA o dei relativi allegati

CCIAA, su richiesta del Comune [8]

Ricevimento, verifica con modalità informatica [9] della correttezza formale delle modifiche o delle integrazioni alla SCIA o ai relativi allegati

CCIAA

Trasmissione delle modifiche o delle integrazioni della SCIA o dei relativi allegati al Comune e alle PPAA indicate dal Comune

CCIAA

Controlli di merito o sostanziali sulle integrazioni presentate

Comune [10]

Adozione eventuale di provvedimento di divieto di prosecuzione dell'attività

Comune o PPAA [11]

Trasmissione dell'eventuale provvedimento di divieto di prosecuzione dell'attività

CCIAA, su richiesta del Comune o PPAA



[3]
 ai sensi dell'art. 12, comma 4, del DPR 160/2010

[4] ai sensi dell'art. 5, comma 4, del DPR 160/2010

[5] in caso di verifica con esito negativo la ricevuta non viene rilasciata ai sensi dell'art. 5, comma 4 del DPR 160/2010

[6] la ricevuta è firmata digitalmente dal Comune, ovvero, in caso di impossibilità materiale e previo accordo con il Comune, dalla CCIAA

[7] a cura del Comune raccordarsi con le PPAA che hanno competenze nei singoli sub-procedimenti

[8] a cura del Comune raccordarsi con le PPAA che hanno competenze nei singoli sub-procedimenti

[9] ai sensi dell'art. 5, comma 4, del DPR 160/2010

[10] a cura del Comune raccordarsi con le PPAA che hanno competenze nei singoli sub-procedimenti

[11]in caso di leggi speciali che individuano la PPAA quale autorità competente per il rilascio del provvedimento


2.3 Chiarimenti tecnici (art. 9)

Funzione/attività

Ente competente

Convocazione riunione per chiarimenti tecnici (presso i locali del Comune)

CCIAA, su richiesta di uno o più dei soggetti previsti dall'art. 9

Coordinamento della riunione e redazione verbale

Comune

 


2.4 Chiusura dei lavori e collaudo (art. 10)

Funzione/attività

Ente competente

Ricevimento della documentazione prevista dall'art. 10, comma 1 

CCIAA

Trasmissione documentazione al Comune e alle PPAA

CCIAA

Eventuale rilascio del certificato di agibilità [14]

Comune

Adozione provvedimenti ablatori e sanzionatori

Comune o PPAA [15]

Trasmissione provvedimenti ablatori e sanzionatori

CCIAA, su richiesta del Comune o PPAA

 



[13]
 qualora applicabile ad un procedimento soggetto a SCIA

[14] è ad esempio il caso in cui l'interessato proponga domanda ai sensi dell'art. 25 del DPR n. 380/2001

[15] solo in caso di leggi speciali che individuano le PPAA quali autorità competenti per il rilascio del provvedimento